Patente: i segnali di divieto

Tramite: O2O 27/05/2017
Difficoltà: media
18

Introduzione

Ecco pronta per tutti i nostri lettori che stanno per prendere la patente o che hanno intenzione di ripassare qualcosa in merito, una pratica ed efficace guida, mediante il cui aiuto poter imparare qualcosa di più sui segnali di divieto, che si possono incontrare per strada e che si devono per forza maggiore rispettare, per non incorrere in sanzioni ed a volte anche degli incidenti, causati da noi stessi. La fondamentale importanza dei segnali stradali sta nel fatto che essi sono stati posti in essere per indicare e regolamentare una corretta circolazione stradale. Infatti, nel corso di studi che si effettua per conseguire la patente, il loro insegnamento viene effettuato con molta cura. Tra questi segnali, ci sono i cosiddetti "segnali di divieto", che appartengono ai segnali di "di prescrizione". Si tratta appunto di segnali che impongono un particolare divieto sia di carattere generale, ovvero rivolto a tutti, oppure più specifico, ossia riservato a determinate categorie. In questa guida li analizzeremo più da vicino. Non resta a questo punto che augurare a tutti una buona lettura ed anche un buon divertimento nell'apprendimento di queste nozioni di base, che per chi prende la patente, non dovrebbe mai dimenticare.

28

Occorrente

  • Attenzione e prudenza.
38

Come riconoscere il segnale del senso vietato

I segnali di divieto si presentano, in genere, di forma circolare, con lo sfondo bianco ed il bordo rosso. I più diffusi sono quelli che ribadiscono un divieto di tipo generale; primi tra tutti il divieto d'accesso e il senso vietato. Il primo è posto all'inizio di una strada nella quale non si può accedere ed indica che non si può percorrere quella strada in nessun verso, tant'è che lo ritroveremo anche all'inizio dell'entrata della strada in senso opposto, ed è interamente bianco bordato di rosso. Invece il secondo, ossia quello che indica il "senso vietato", è interamente rosso, e presenta una striscia orizzontale al centro. Impone il divieto di imboccare quella strada nel verso in cui esiste il segnale ma è possibile percorrerla nel senso opposto.

48

Come riconoscere il divieto di sorpasso

Ci sono altri segnali di divieto con la caratteristica dello sfondo bianco con bordo rosso: il divieto di sorpasso, che riporta al centro la sagoma di due autovetture; il limite di velocità, ovvero il divieto di superare una data velocità indicata; la distanza minima obbligatoria, che indica la minima distanza di sicurezza che bisogna tenere rispetto al veicolo che ci precede ed il divieto di emissioni acustiche, che ritroviamo specialmente in prossimità dell'ingresso dei luoghi abitati o dei luoghi di cura, come gli ospedali.

Continua la lettura
58

Come memorizzare i divieti di transito

Ci sono anche, come abbiamo precisato precedentemente, anche i segnali di divieto specifici, perché sono riservati soltanto ad alcune categorie, specificate dallo stesso segnale. Tra questi ritroviamo diversi divieti di transito, come quelli per i pedoni, per i motociclisti, per i velocipedi, per i mezzi di trasporto trainati da animali, per le macchine agricole, per gli autobus ecc.. Altri cartelli impongono invece divieti di transito per veicoli speciali, come quelli che trasportano merci pericolose, altamente infiammabili o quelli che superano una determinata massa. Non vanno dimenticati i segnali di divieto in base alle dimensioni, sia in larghezza (la cui misura è indicata tra due frecce orizzontali) che in altezza (con la misura indicata, invece, tra frecce verticali).

68

Come individuare i segnali di divieto di sosta o di fermata

Soffermiamo ora la nostra attenzione su due segnali di divieto tra cui spesso si tende a fare confusione: quello di sosta e quello di fermata. Sono entrambi rotondi, con sfondo blu e bordo rosso, sono caratterizzati il primo da una semplice striscia rossa diagonale che lo sbarra da un lato all'altro, il secondo da due strisce che si intersecano ad "X". Il divieto di sosta vieta di sostare, ossia di parcheggiare in quella zona, mentre il divieto di fermata vieta di fermarsi anche brevemente. I segnali di divieto, come anche tutti gli altri cartelli stradali, sono seguiti, al termine del divieto stesso dai segnali di fine: sono dei segnali sempre circolari, con sfondo bianco e caratterizzati da una linea centrale di colore nero, che li taglia in verticale e indica che il divieto è terminato. È bene memorizzare queste nozioni, in modo da evitare errori ed anche possibili problemi ed incidenti, magari durante la guida della propria auto! Occorre prestare molta attenzione a come si guida, perché ci vuole veramente poco per avere e causare degli incidenti, anche gravi!

78

Guarda il video

88

Consigli

Non dimenticare mai:
  • Ricordarsi che i segnali di divieto sono circolari, con sfondo bianco e bordo rosso.
Alcuni link che potrebbero esserti utili:

Potrebbe interessarti anche

Segnala contenuti non appropriati

Tipo di contenuto
Devi scegliere almeno una delle opzioni
Descrivi il problema
Devi inserire una descrizione del problema
Si è verificato un errore nel sistema. Riprova più tardi.
Segnala il video che ritieni inappropriato
Devi selezionare il video che desideri segnalare
Verifica la tua identità
Devi verificare la tua identità
chiudi
Grazie per averci aiutato a migliorare la qualità dei nostri contenuti

Guide simili

Patente

Patente: i segnali di prescrizione

La segnaletica stradale è il linguaggio con cui l'amministratore della strada comunica agli utenti le regole di circolazione: divieti, pericoli, indicazioni ed informazioni utili. Tali segnali sono generalmente uguali in qualsiasi paese ci troviamo,...
Patente

Patente: i segnali di obbligo

Se stai seguendo il corso di scuola guida, uno dei primi argomenti da studiare riguarda i segnali di obbligo, ovvero quei segnali stradali di forma circolare, solitamente di colore blu e bianco. Sono anche detti segnali di prescrizione, e sono assolutamente...
Patente

Patente: i segnali di precedenza

Chi sta per conseguire la patente di guida, o chi già l'ha conseguita, lo sa bene quanto sia importante la conoscenza dei segnali stradali. Saperli riconoscere e interpretare il senso è fondamentale per la propria sicurezza e per quella di tutti gli...
Patente

Patente: i segnali di indicazione

La segnaletica stradale riveste particolare importanza quando si circola, con il proprio veicolo, nelle strade. È necessario conoscere tutti i cartelli stradali, al fine di non infrangere il Codice della Strada, e soprattutto, per motivi di sicurezza....
Patente

Come imparare i segnali stradali

La conoscenza del codice della strada e dei cartelli stradali è di fondamentale importanza sia per chi guida un qualsiasi veicolo, sia per i pedoni, perché consente di sapersi destreggiare nel traffico di qualsiasi città o paese. Inoltre, la conoscenza...
Patente

I principali segnali di pericolo

Per la sicurezza nostra e di chi ci circonda, il codice della strada ha previsto vari segnali stradali che si dividono in: segnali d'obbligo, di divieto, di precedenza, di precedenza negli incroci, di indicazione e di divieto. Quest'ultimi sono a forma...
Patente

Codice della strada: i segnali di identificazione stradale

Il Codice della strada viene raccolto in un insieme di leggi. Queste riguardano delle regole comportamentali dei pedoni e dei veicoli. A questo proposito vengono fissate una serie di obblighi e di divieti. Inoltre, il Codice comprende anche una serie...
Patente

Codice della strada: i segnali di località e centro abitato

Una corretta circolazione stradale impone il rispetto del corrispondente codice della strada, che comprende una serie di doveri ed obblighi per ogni automobilista. Tra i doveri più importanti è compresa la conoscenza, da parte di ciascun utente stradale,...